Quando nasce un figlio
nasce anche una mamma

NUOVI ARRIVI

PROMOZIONI

I nostri must per i neogenitori

Lana merinos o lana merino? Risolviamo il dubbio grammaticale!

Non commettere errori nell’uso della lingua è l’imperativo che ciascuno di noi ha interiorizzato sin dalle scuole elementari. A volte, però, ci preoccupiamo di sbagliare anche nel caso in cui l’italiano ammetta più di una grafia per indicare un dato oggetto, come succede nel caso delle opzioni “lana merino” e “lana merinos”. Oltre a tranquillizzarvi sull’utilizzo dei due sintagmi, tuttavia, l’articolo di oggi si propone di andare un po’ più a fondo nella questione, proponendovi una probabile storia dei termini in causa. La lana merino tra il latino e le lingue derivate L’etimologia della parola lana ha una limpidissima derivazione dal latino “lana”, a sua volta disceso da una radice indicante il vello degli animali oppure, secondo un’altra interpretazione, da un vocabolo nordico che la associa all’atto del coprire e del difendere. Ad oggi entrambi i significati sono impliciti nell’immagine di un tessuto avvolgente, confortevole e versatile come quello della lana, che si tratti di merino, di cachemire o di angora. Il termine “merino”, dal canto suo, ha un’origine neolatina, spagnola, forse derivante dall’appellativo con cui erano indicati i Merinidi o Marinidi – una dinastia berbera che governò il Marocco e parte dei territori circonvicini, compreso un frammento della Spagna meridionale. E quella esse finale? Innanzitutto, c’è da dire che la -s della parola “merinos” non sta a indicare (attualmente) una declinazione plurale del termine: essa viene infatti usata in qualsiasi contesto, anche nell’espressione singolare pecora merinos, ad esempio. Quest’uso si è probabilmente affermato per il rimando più trasparente alle origini di questa lana, che si perde nella grafia “merino” anche se non sembrano darsi spiegazioni specifiche per quest’ambivalenza linguistica. Quel che è certo è che entrambi i modi di indicare questo filato di pregio sono corretti: starà dunque alla consuetudine del parlante adottare l’uno o l’altro all’interno di un discorso o di un testo scritto.   Un’ultima chiosa sul tema Tra le possibili – seppur improbabili – interpretazioni etimologiche è da segnalare anche l’ipotesi secondo cui “merino” derivi dal nome del rappresentante amministrativo dei regnanti di Spagna nelle regioni periferiche, a loro volta dette “merindades”. E ora, grazie alla lettura di quest'articolo, la prossima volta che vi capiterà di indossare un capo in lana del nostro Maglificio, quando vi sarà chiesta la sua origine avrete numerosissimi trivia da proporre al vostro interlocutore!

Maglioni cashmere donne – Lo stile dell’inverno

La stagione autunno-inverno invita a riscoprire il lato caldo e confortevole del proprio guardaroba, fatto di sciarpe, maglioni a girocollo, cardigan di lana e gilet da abbinare all’abbigliamento di base: un elenco che già ispira tranquillità, calma e serena rilassatezza, invitando a immaginare lo scenario di un caminetto acceso, una cioccolata calda appena preparata e un momento di relax da godersi appieno. Per chi ama la neve, le gite in montagna e le passeggiate serali, abbandonare gli abiti estivi è un piacere da assaporare con qualche nuovo acquisto (o con qualche nuovo regalo). Vediamo dunque alcune delle proposte che il nostro Maglificio riserva alle donne che vogliono festeggiare l’arrivo del secondo solstizio dell’anno.   Maglia inglese cashmere blend: un maglione avvolgente ed elegante Disponibile in quattro taglie, il maglioncino della linea “Lovely” si compone di una mischia di tessuti che ne garantiscono la massima morbidezza e vestibilità. Il cashmere e la lana merino gli donano calore, a cui si uniscono la leggerezza e l’elasticità di viscosa e poliammide: ideale per essere indossato in abbinamento con leggins o calze felpate, si presenta in duecolorazioni campione che rispecchiano la palette cromatica della stagione. Gilet over cashmere blend Un gilet da portare anche in autunno, che consente di tenere al caldo anche i fianchi: i due colori disponibili si abbinano a qualsiasi pantalone, con un’invidiabile versatilità. Il pregio di un tessuto elastico e dalle forme morbide è la libertà di movimento lasciata a chi lo indossa, ideale per l’uso continuativo di un capo d’abbigliamento, in casa o al lavoro. Cardigan degradè cashmere blend: per uno stile casual, da indossare tutti i giorni La dolce morbidezza di questo capo d’abbigliamento si sposa con l’aderenza di una dolcevita a collo alto, che andrà a compensare lo scollo a V di questo cardigan. Disponibile in un unico colore e in un'unica taglia, si abbina ad accessori argentati e ad un trucco che rispecchi le winter vibes del momento.

Cappelli di lana: perchè è importante farli indossare ai neonati

Per noi adulti, la risposta a questa domanda è ovvia e forse banale: come i guanti proteggono le mani dal freddo ed evitano che la pelle si danneggi, così i berretti difendono la fronte, le tempie e le orecchie dal vento e dalle basse temperature, risultando indispensabili soprattutto per chi trascorre molto tempo all’aperto nel corso delle mattine e delle serate autunnali – e invernali a maggior ragione. Per i neonati, indossare un cappello è importante tutto l’anno: vediamo dunque i motivi per cui è una buona idea avere una scorta di berrettini da far portare ai nostri bimbi. Un aiuto per la termoregolazione Subito dopo la nascita, il bambino ancora non ha una piena padronanza delle proprie funzioni corporee, comprese quelle involontarie come la regolazione della temperatura. Per aiutarlo a trovare il giusto comfort, ecco che diventa necessario conoscere i migliori accessori per ogni esigenza del piccolo, per affrontare le giornate senza pianti e lamentele dovute alla mancanza di semplicissime accortezze. I bambini sono ancora molto fragili e delicati quando trascorrono le ore fermi all’interno della culla, senza la possibilità di far capire a parole la fonte del loro disagio. Porre attenzione alla temperatura di manine, piedini e testolina vi darà un ottimo suggerimento per risolvere presto una situazione di fastidio per il piccolo. Berretti per l’inverno: una selezione La lana è il materiale perfetto da adoperare nei mesi più freddi dell’anno, quando il cambio d’aria in una stanza altera maggiormente la temperatura. Oltre ad essere indossati all’esterno, infatti, i berretti di lana possono diventare un utilissimo accessorio per proteggere dal freddo la testolina del neonato anche indoors, qualora il riscaldamento acceso non basti a rendere confortevoli tutti gli angoli della casa: vediamone alcuni modelli. Un berretto treccia-pon pon in pura lana: un berretto dalla circonferenza di 41cm, disponibile in otto diverse colorazioni che vanno dal bianco al blu, dal verde tenue al rosato; colori pastello adorabili da abbinare a tutine e vestitini; Un berretto a costine in pura lana: un berretto dalle molteplici colorazioni, anche nella variante con un dolce fiocchetto. Il vostro bimbo li potrà indossare fino ai 16 anni! Un berrettino con pon pon dalla lavorazione semplice, disponibile in sei colorazioni e in quattro diverse taglie, per adattarsi alla crescita del bambino (o della bambina) con progressività. Per un bambino appena nato, in cui le proporzioni del capo rispetto al resto del corpo sono molto più sbilanciate a favore della testolina, avere scoperta la pelle del viso ha un impatto globale significativo, ben diverso da quanto sperimenta un adulto nella stessa situazione. Per questo indossare un cappellino non è un vezzo o un capriccio di moda, per il neonato, ma un atto che tutela il suo benessere… strizzando l’occhiolino anche all’estetica!

CHI SIAMO

LA NOSTRA STORIA

Il Maglificio di Verona nasce nel 1975 dalla passione della famiglia Crivellente per la maglieria italiana.
Marito e moglie hanno avviato insieme una struttura a conduzione familiare di produzione di tricot da bambino in filati misto lana, pettinati e cardati, puro cotone, misti cashmere, misti angora, misti lana merinos e filati elasticizzati.
Sviluppatosi negli anni a livello nazionale ed internazionale, serve ad oggi i più importanti brand bimbo Ovs, Chicco Artsana, Prenatal, Bimbus, Preca Brummel, Idexe, Coccodè, Massimo Dutti, Habermaaß, nonché grossisti e negozi al dettaglio.

E la storia continua... >>
X