Quando nasce un figlio
nasce anche una mamma

Cosa mettere nella borsa per il cambio del neonato?

Cosa mettere nella borsa per il cambio del neonato quando si esce di casa? Se sei un neo genitore probabilmente te lo sarai chiesto. Oggi, noi del Maglificio di Verona, vogliamo consigliarti alcuni oggetti che non possono proprio mancare nella borsa per il cambio del tuo piccino o della tua piccina.   Cosa mettere nella borsa per il cambio del neonato: quale borsa? Quando si esce di casa con il neonato, specie se è una delle prime volte, è importante partire sufficientemente attrezzati. La borsa per il cambio è quindi d'obbligo! Ma come dovrebbe essere una borsa per il cambio del neonato adeguata? Innanzitutto dovrebbe essere sufficientemente capiente ma non ingombrante, optando quindi per una borsa semi-rigida, leggera ovvero facile da trasportare eventualmente a spalla, ed infine strutturata in comparti, perfetti per dare un ordine a tutti gli oggetti che si andranno ad inserire al suo interno. Detto questo, ma cosa ci dovrebbe essere effettivamente all'interno di una borsa per il cambio del neonato? Vediamolo insieme.   Cosa mettere nella borsa per il cambio del neonato: la nostra selezione Preparando la borsa per il cambio del neonato è importante avere: - dei pannolini in quanto, si sa, i nostri piccini vanno cambiati più e più volte nell'arco della giornata; - delle salviettine, molto importanti per una pelle pulita e protetta al momento del cambio pannolino; - della crema protettiva per il cambio pannolino che, senza fare pubblicità a marchi noti, deve assicurare, una volta applicata con cura sulla pelle pulita e asciugata con cura, un effetto protettivo andando a creare una barriera perfetta per riparare le zone delicate; - un fasciatoio portatile pieghevole che risolve il problema dei cambi di pannolino sia quando sei in viaggio sia quando ti trovi in luoghi non attrezzati; - un asciugamanino in cotone (non si sa mai, a volte le salviette potrebbero non essere sufficienti); - almeno un body di ricambio per le situazioni di "emergenza pannolino"; - un sacchetto dove riporre l'eventuale biancheria sporca; - dei bavaglini, meglio se idrorepellenti, per la pappa; - un biberon per quando la fame o la sete si fanno sentire; - l'immancabile ciuccio, un antistress utile in certe situazioni; - il giochino preferito dal tuo piccino o dalla tua piccina. Questi sono più o meno gli oggetti che sono indispensabili in una borsa per il cambio del neonato. Chiaramente possono esserci delle aggiunte che variano a seconda della stagione, ma anche in base alle necessità dei nostri piccini quindi in base all'età e al tipo di alimentazione.   Cosa mettere nella borsa per il cambio del neonato: attenzione al cambio di stagione! Quando si prepara la borsa per il cambio del neonato è importante tenere bene a mente che ci sono dei momenti dell'anno in cui uscire comporta un'attenzione particolare. Parliamo soprattutto dei cambi di stagione, di quei periodi "né carne né pesce" nei quali le temperature subiscono degli sbalzi non indifferenti. Sono proprio questi sbalzi che causano fastidiosi malanni quali raffreddore, tosse, otite o febbre. Per evitare queste spiacevoli situazioni è meglio farsi trovare preparati: munisciti di sciarpina, cappellino e copertina. Vale poi sempre la regola del vestilo "a cipolla" che non ti farà mai sbagliare! Dai un'occhiata ai nostri prodotti di maglieria in lana o in cotone, realizzati artigianalmente con filati 100% Made in Italy e certificati OEKO-TEX®, garanzia di qualità e sicurezza per il tuo bebè. A tutto ciò si aggiunge poi lo stile distintivo e caratteristico del Maglificio di Verona che, ormai da più di 45 anni, lavora al servizio dei più piccoli, aiutando le mamme e i papà nel complesso lavoro del genitore.

Aria di Primavera: ecco i nuovi arrivi Maglificio di Verona

La Primavera si avvicina e per noi di Maglificio di Verona questo significa principalmente una cosa: arriva la nuova collezione! Prima di presentarti alcune novità vogliamo soffermarci però su temi a noi cari: qualità, stile e performance. In che senso? Vediamolo insieme.   Nuova collezione Primavera Maglificio di Verona: qualità Per qualità, al di là dei dati ormai ovvi e di circostanza per chi già ci conosce, quali l'elevata fattura dei materiali, la progettazione e la realizzazione 100% Made in Italy dei nostri capi, senza contare poi il confezionamento artigianale nei laboratori tessili di nostra proprietà, per noi significa anche che il lavoro che svolgiamo quotidianamente venga riconosciuto da enti certificatori esterni. Buona parte della nuova collezione primaverile è stata confezionata utilizzando del filato in cotone 100% Made in Italy certificato OEKO-TEX® Standard 100. Cosa significa? In poche parole questa certificazione, emessa da un sistema indipendente di test e certificazione dedicato ai prodotti tessili, assegna un'etichetta Confidence in textiles su ogni prodotto che risponde agli standard individuati dall'ente certificatore: in questo caso, nello specifico, la certificazione OEKO-TEX® Standard 100 garantisce che il tessuto utilizzato sia completamente privo di sostanze nocive. Ciò significa quindi che il tessuto utilizzato per confezionare i capi del Maglificio di Verona, in questo caso il cotone, è completamente atossico, perfetto dunque per entrare in contatto con la pelle dei neonati e dei bambini che, si sa, è molto più delicata e soggetta alle irritazioni. Il cotone che utilizziamo inoltre, essendo una fibra di origine vegetale, presenta molteplici vantaggi. È davvero confortevole, fresco ma, allo stesso tempo, sa dare una piacevole sensazione di calore perfetta per proteggere il tuo neonato. Il cotone garantisce inoltre degli elevati livelli di traspirabilità, caratteristica che lo rende permeabile all'aria. Ultima cosa ma non meno importante, il cotone è il tessuto forse più pratico per quanto riguarda la cura e la durata nel tempo: non infeltrisce né si restringe con i lavaggi, resiste ai cicli di lavaggio ad una temperatura di 40° C ed infine si asciuga molto velocemente.   Nuova collezione Primavera Maglificio di Verona: stile La nostra collezione primaverile si caratterizza anche per uno stile inconfondibile, unico ed inimitabile. Una linea che abbiamo cercato di mantenere, seppur con qualche ammodernamento nel corso degli oltre 40 anni di storia del Maglificio. Linee semplici ma eleganti, perfette per un outfit di classe, anche per il tuo piccino o la tua piccina. I dettagli sono quelli che contano e sono infatti quello che ci distinguono dagli altri: bottoni, aperture, lavorazioni particolari che creano trame e fantasie uniche, vera e propria espressione dell'abilità e della maestria delle nostre sarte artigiane. Non parliamo poi dei colori: tanti e vivaci, perfetti per ogni stagione dell'anno.   Nuova collezione Primavera Maglificio di Verona: performance La nostra collezione primaverile si caratterizza infine per essere non solo bella, ma anche pratica. Un esempio? Parliamo ad esempio delle tutine per neonato che hanno una pratica apertura sulle gambe nella parte interna che permette di cambiare velocemente il tuo bimbo o la tua bimba. Anche le copertine non scherzano dal momento che le proponiamo in misure diverse, ciascuna di esse perfetta per la culla dei primi mesi o per il lettino del periodo successivo. Infine, ma non meno importante, tutti i nostri capi sono lavabili in lavatrice: attenzione però perché sarebbe consigliabile utilizzare un programma di lavaggio che non superi i 40°C.   Nuova collezione Primavera Maglificio di Verona: una piccola anteprima Oggi vogliamo presentarti due anteprime della nuova collezione primaverile del Maglificio di Verona: parliamo della copertina trecce e del berrettino orsetto. La nuova morbida e avvolgente copertina con trecce e delicate losanghe in cotone 100% Made in Italy certificato OEKO-TEX® si caratterizza per la particolare lavorazione a trecce alternate che danno un naturale movimento alla copertina alla quale si aggiunge la rifinitura dei bordi in costa. La grandezza è di 100x80 cm, ideale per culle, carrozzine e lettini. È disponibile in ben 13 colori tutti da scoprire! Il simpatico berrettino orsetto invece è un vero e proprio must per la stagione in arrivo. Morbidi e avvolgenti, questi berrettini sono confezionati con cotone 100% italiano certificato OEKO-TEX® di classe prima e sono proprio l'ideale per la pelle dei bambini sotto i tre anni. La moderna lavorazione in links si caratterizza per una costina su fondo per una perfetta vestibilità. Lo presentiamo in taglia unica che si adatta ai bambini dai 12 mesi ai 4 anni. Modello super avvolgente, è impreziosito da un simpatico ricamo frontale e pom pom lavorati a mano che ricordano appunto un orsetto. Disponibile in 5 nuovi colori si abbina alla perfezione con un altro capo della nuova collezione primaverile ovvero la sciarpa collo in cotone, disponibile in ben 11 colori esclusivi. Cosa aspetti? Corri a dare subito un'occhiata alla nuova collezione primaverile del Maglificio di Verona: presto arriveranno tante altre incredibili novità, online e in negozio. Ti aspettiamo!

Valigia parto: come e quando prepararla e cosa metterci?

Il parto, si sa, è un momento cruciale per ogni donna, specie se è il primo. Il primo figlio è sempre un'occasione che ci mette alla prova e ci spinge a dare il massimo, mostrando la versione migliore di noi stesse. Con l'avvicinarsi del parto le ansie della mamma "to be" crescono e qual è quindi il modo migliore per affrontare questo sentimento del tutto naturale? Non farsi trovare impreparate! La domanda alla quale vogliamo rispondere oggi noi del Maglificio di Verona è: cosa mettere nella valigia per il parto? Vediamo ora insieme cosa preparare per la mamma e per il piccolo in arrivo.   Quando preparare la valigia per il parto? Ti sei già chiesta quando preparare la valigia per il parto? Noi del Maglificio di Verona non possiamo certo darti una risposta universale ma possiamo provare a darti un consiglio. In generale sarebbe meglio prepararla quando si raggiungono le 36-37 settimane di gestazione ovvero all'incirca a metà del terzo trimestre, in modo da non prepararla né troppo presto, né troppo tardi. Certo è che se ci si riduce all'ultimo, vuoi la fretta, vuoi l'agitazione, vuoi le contrazioni che si fanno sentire, vuoi il compagno in preda al terrore che se già normalmente non sa dove si trovano le cose nell'armadio, quindi figuriamoci in un momento cruciale come questo, non riesce a trovare tutto il necessario in tempi record, finiresti per dimenticare sicuramente qualcosa.   Come preparare la valigia per il parto? Cara mamma, consiglio numero uno: non esagerare con le misure! Ti basterà una borsa morbida, non rigida perché occuperebbe più spazio, di dimensioni ridotte che stia nell'armadietto dell'ospedale ma, soprattutto, ricorda che la degenza in ospedale non durerà più di 3-4 giorni quindi, mi raccomando, evita metterci dentro tutto il guardaroba. In generale possiamo dire che la valigia del parto, sia per la mamma che per il neonato, deve essere preparata pensando di avere lo stretto indispensabile portando però un po' di tutto. Sembra un controsenso? Può essere ma, in questo caso, ci sentiamo di dirti che dovrà essere la mezza misura ad indicarti la retta via. Portarsi dietro mezza casa non serve e non ha nemmeno senso quindi, per fare una scelta oculata, vediamo insieme cosa mettere nella valigia per il parto.   Valigia parto: abbigliamento per la mamma Per vivere al meglio il parto e i giorni successivi, nella valigia per il parto dovresti preferibilmente mettere: - un paio di camicie da notte o pigiami aperti sul davanti, comodi quindi per allattare; - una vestaglia o comunque un capospalla; - 4-5 mutande di cotone (meglio portare anche qualche mutanda usa e getta); - assorbenti, possibilmente di cotone, più delicati sulla pelle; - 3-4 paia di calze di cotone; - asciugamani; - ciabatte di gomma per la doccia ed eventualmente una cuffia; - lo stretto indispensabile per l'igiene personale, almeno detergente intimo, spazzolino, dentifricio. Il nostro consiglio è quello di evitare di portare con sé oggetti di valore o denaro in modo da poter condividere con più serenità gli spazi comuni dal momento che, spesso, non si è in stanza da sole.   Valigia parto: abbigliamento per il neonato Per il nuovo arrivato invece dobbiamo fare due considerazioni. La prima è che il tuo bambino necessiterà di almeno uno o due cambi completi al giorno, a scanso di eventi particolari e contando in media 3 giorni di degenza. La seconda è che, per quanto ci sentiamo di consigliarti, sarebbe meglio optare per un abbigliamento "a cipolla" in modo da poter togliere o aggiungere strati a seconda della temperatura ambientale. Maglificio di Verona ti consiglia quindi di mettere nella valigia del parto per il tuo piccino o la tua piccina: - 6 paia di calzini di cotone; - una copertina; - 3 tutine con le maniche lunghe; - 3 tutine con le maniche corte;  - 6 body di cotone a mezza manica; - un cappellino, perfetto per proteggere la testina nel momento del primo contatto "skin-to-skin" (come ben saprai il cranio del tuo bimbo è ancora fragilissimo in virtù della cosiddetta "fontanella" e quindi va protetto). Non ti servirà invece portare pannolini o prodotti per l'igiene che, di norma, vengono forniti direttamente dall'ospedale. E i ciucci o i biberon? Generalmente si sconsiglia di portarli in modo da favorire il corretto avviamento dell'allattamento nei primi giorni dopo il parto. Se mai ce ne dovesse essere bisogno nei primi giorni di vita del tuo piccino te li fornirà direttamente l'ospedale.   Valigia parto: esami e documenti Nella valigia per il parto sarebbe meglio inserire una cartellina con tutti gli esami che hai sostenuto durante la gravidanza, meglio ancora se hai disponibile la cartella clinica fatta dal tuo ginecologo curante. Importantissimi sono il gruppo sanguigno ed eventuale test di Coombs, gli esami del sangue, le ecografie, il tampone vaginale e una eventuale cartella anestesiologica. Più info i medici hanno a disposizione e più tempestivo potrà essere l'intervento in caso di necessità, anche se ci auguriamo che vada tutto bene ma, come dicevamo prima, meglio non farsi trovare impreparate. È fondamentale inoltre portare con sé i propri documenti originali controllando per tempo che non siano scaduti, in modo da procedere senza problemi al ricovero e, successivamente, procedere al deposito della dichiarazione di nascita, obbligatoria per legge, che deve essere presentata dai genitori entro 10 giorni dal parto presso il comune di residenza al fine di iscrivere il nuovo arrivato nel registro comunale dello stato civile. Ecco qui cosa mettere nella valigia per il parto. Speriamo davvero di esserti stati d'aiuto e nel frattempo ti rivolgiamo un grande in bocca al lupo. Ne siamo certi: sarai una mamma fenomenale!

CHI SIAMO

LA NOSTRA STORIA

Il Maglificio di Verona nasce nel 1975 dalla passione della famiglia Crivellente per la maglieria italiana.
Marito e moglie hanno avviato insieme una struttura a conduzione familiare di produzione di tricot da bambino in filati misto lana, pettinati e cardati, puro cotone, misti cashmere, misti angora, misti lana merinos e filati elasticizzati.
Sviluppatosi negli anni a livello nazionale ed internazionale, serve ad oggi i più importanti brand bimbo Ovs, Chicco Artsana, Prenatal, Bimbus, Preca Brummel, Idexe, Coccodè, Massimo Dutti, Habermaaß, nonché grossisti e negozi al dettaglio.

E la storia continua... >>