Quando nasce un figlio
nasce anche una mamma

NUOVI ARRIVI

PROMOZIONI

I nostri must per i neogenitori

Lenzuola culletta e altri facili regali

Per far contento un bambino, l’affetto materno e le attenzioni dei genitori sono l’ingrediente fondamentale: durante la notte e i riposini giornalieri, però, gli abbracci e le coccole lasciano il posto alla calma tranquillità di una ninnananna, di una culla che dondola con lentezza o di un pelouche che fa compagnia al sonno e ai sogni, in un’atmosfera morbida e soffusa che ispiri sicurezza e protezione al piccolino. È proprio per creare questo contesto di quiete e serenità che si cerca di circondare i propri neonati con giostrine, copertine e dou dou che non li facciano sentire soli ma li mettano anzi a proprio agio nella loro cameretta, tramite giochi visivi, stimoli sonori, profumi o sensazioni tattili piacevoli e amiche.   Copertine e lenzuola culletta, una scelta estiva Innanzitutto, una breve riflessione su copertine e lenzuolini: benché possano sembrare superflue nei mesi estivi, ambienti interni condizionati o finestre spalancate che lascino passare l’aria della notte possono comunque infastidire un bimbo che ancora non è ben consapevole di come gestire la termoregolazione. Per aiutarlo, utilizzare tessuti traspiranti come il cotone è il primo step per non doversi preoccupare; inoltre, anche se il piccolo getterà di lato il lenzuolino, avrà la possibilità di stringerne quantomeno un lembo, per trarne una semplice rassicurazione psicologica – proprio come Linus con la sua coperta! Un buon completo notte, dunque, comprenderà anche un lenzuolo di cotone, anche nel mese di agosto. Copertine e lenzuola culletta, una scelta invernale In caso voleste già premunirvi per il cambio di stagione, puntare su materiali come la lana Merino è un investimento sicuro per affrontare al meglio le temperature più basse: per capire se il bambino ha freddo o caldo, vi basterà toccargli il torace o la schiena per accertarvi del suo benessere e modificare il suo outfit per le nanne. Tra la copertina in lana e la pelle del bimbo potrà essere comunque posta una mussolina in cotone, sia per aggiungere un leggero strato di tessuto che per rendere ancora più gradevole la sensazione tattile che avrà il pargolo nel toccarla. I bambini “imparano” a termoregolarsi dai 3 ai 12 mesi, un periodo di tempo in cui avranno bisogno di un piccolo aiuto da parte nostra per riuscire a capire la propria pelle e le proprie necessità: in questa fase sarà utile sperimentare diversi approcci e tessuti fino a trovare le migliori combinazioni per il comfort dei propri figli. Una certificazione per la sicurezza di bimbi e bimbe: lenzuola culletta approvate per i primi dentini! Per qualsiasi prodotto destinato alla prima infanzia è importante avere la massima certezza che sia compatibile con l’abitudine dei bambini di mordicchiare e portare alla bocca gli oggetti, comunissima nei primi anni di vita. Proprio per questo all’interno del nostro shop troverete prodotti targati Oeko-Tek, realizzati con filati al 100% sicuri e testati per non irritare la pelle né causare fastidi o allergie. Le prime necessità dei bambini appena venuti al mondo sono semplici e basilari, ma allo stesso tempo richiedono molteplici accortezze: qui al Maglificio ci assicuriamo di tenerle sempre presenti, in modo da rendere almeno un poco più semplice anche il compito del genitore. Qui di seguito, ecco alcuni consigli d’acquisto e idee regalo per neomamme e neopapà:

Un sacco nanna per cullare il proprio bimbo

Come ben si sa, tutti i neonati amano agitarsi nel sonno e da svegli, imparando a muovere braccine e gambette con energia: questo può far sì che la notte si scoprano, gettino le coperte fuori dalla culla o le spostino in maniera non troppo confortevole, finendo per trovarsi imbrigliati e infastiditi nel lettino. Per evitare queste problematiche, è utile dotarsi di un pratico strumento per facilitare il riposo sia ai pargoletti che ai genitori, normalmente in apprensione per il benessere del piccolo: stiamo parlando del sacco nanna, ovvero di un indumento a metà tra una coperta e un capo di vestiario, confezionato in modo tale da avvolgere con il minimo sforzo la vostra prole, proprio come una semplice sacca dotata di bottoncini laterali. I pregi del sacco nanna Innanzitutto, a differenza degli abitini da giorno e dell’abbigliamento standard, il sacco nanna potrà essere ampio, confortevole e pronto a crescere con il bambino, accompagnandolo anche oltre l’anno d’età (a partire dal raggiungimento dei 4,5kg di peso): si tratta insomma di un investimento per i suoi primi anni di vita, in cui pian piano imparerà ad avere un sonno più regolare e ad usare le copertine tradizionali senza metterle perennemente in disordine. I nostri sacchi nanna sono pensati per il periodo autunnale o per quello invernale, essendo realizzati in lana Merino, con particolare attenzione a dare al tessuto una trama soffice e dolce sulla pelle, completata da un grazioso pon pon sul capo. Il sacco nanna, una comodissima routine Dire “sacco nanna” può essere quasi una piccola formula magica. Dopo i 4-5 mesi d’età, infatti, i neonati arrivano a creare delle associazioni mentali importanti per lo sviluppo: fra questi rapporti di contiguità può essere introdotto quello tra il sacco nanna e il riposo, predisponendo i bambini alla voglia di dormire nel presentare loro un oggetto familiare con cui addormentarsi (cantando una ninna nanna, accarezzando e cullando il neonato). Quello del sacco nanna può inoltre essere un ottimo trucchetto per spingere i bimbi a tranquillizzarsi in una situazione di stress, come il viaggio in auto o la permanenza in un ambiente poco familiare – la casa dei nonni, un hotel o altri luoghi esterni alla propria abitazione. Sapere di essere abbracciato da una stoffa morbida che conosce bene lo farà sentire a casa anche in queste circostanze.

Regalare un corredo neonato

Scegliere i primi indumenti per un pargoletto appena nato o addirittura nascituro è una piccola, emozionante avventura, soprattutto per le mamme e per i papà che vivono questo momento per la prima volta. Per indovinare quale capo starà meglio al primogenito o alla primogenita, non ci sono delle vere e proprie regole: l’unica parola d’ordine sarà il suo comfort, dal momento che benessere e salute vengono prima di qualsiasi moda. Vediamo dunque insieme quali opportunità cogliere per fare il giusto regalo al nuovo arrivato in famiglia, bimbo o bimba che sia. Come comporre un corredo neonato All’interno di un corredino dedicato ai neonati possono rientrare (letteralmente) decine e decine di oggetti diversi: copertine, cappellini, tutine, pannolini, mini accappatoi e ancora body, magliette, tiralatte, biberon, una culla e dei pelouche per far sentire a proprio agio il bambino. Non occorre però darsi allo shopping forsennato né prevedere sin da subito tutte le esigenze che si avranno: dotarsi degli strumenti di base sarà comunque sufficiente per poter poi ritagliarsi un momento di calma e di respiro in cui pensare agli acquisti aggiuntivi. Da dove cominciare, dunque? Corredo neonato – I materiali Innanzitutto, vale la pena specificare che optare per materiali anallergici e per capi di vestiario privi di lacci, legacci ed elementi che possano graffiare la delicatissima cute del neonato (o della neonata) è una scelta valida e prudente: ci sarà tempo in seguito per agghindare in modo più fru fru e complesso il proprio pargoletto, ma in un primo momento sarà meglio attenersi alla semplicità. Il cotone è il filato più adatto per rispondere alle caratteristiche di morbidezza e igroscopia che saranno apprezzate da una pelle sensibile esposta alla primavera o al caldo dell’estate; anche in autunno, tuttavia, saranno indicati capi e copertine in cotone per il contatto con la pelle, dal momento che sarà comunque possibile utilizzare giacchine e coperte aggiuntive per riparare il piccolo dalle temperature più basse della sera. Corredo neonato – La praticità prima di tutto Come abbiamo già detto, la semplicità è un valore essenziale in questo momento, in particolar modo nel vestiario mignon che si dovrà utilizzare nella prima fase di vita di tutti i bimbi. Facile da indossare e da lavare, privo per quanto possibile di ricami, cuciture e lavorazioni in pizzo o comunque abrasive, un vestitino dev’essere sicuro, confortevole ed elastico, per potersi adattare alla veloce crescita dei primi mesi. La nostra certificazione OEKO-TEX per i tessuti in cotone dà un’importante garanzia in merito all’assenza di coloranti nocivi. Allo stesso tempo, la lavorazione dei nostri tessuti è portata avanti avendo in mente le esigenze dei bambini più piccoli, che sperimentano per la prima volta la “costrizione” di un abito, e delle loro mamme, che dovranno farglielo indossare: per questo abbiamo scelto di realizzare spacchi e aperture che rendano più agevoli le operazioni di vestizione e il cambio del pannolino, per far tirare un sospiro di sollievo sia alle mamme che ai nuovi nati. Un punto di partenza per un corredo neonato ideale Ecco infine i nostri suggerimenti per comporre adeguatamente un corredo di base per salutare una nuova nascita, con capi realizzati in puro cotone certificato e made in Italy: li troverete disponibili on line, alla portata di un click.

CHI SIAMO

LA NOSTRA STORIA

Il Maglificio di Verona nasce nel 1975 dalla passione della famiglia Crivellente per la maglieria italiana.
Marito e moglie hanno avviato insieme una struttura a conduzione familiare di produzione di tricot da bambino in filati misto lana, pettinati e cardati, puro cotone, misti cashmere, misti angora, misti lana merinos e filati elasticizzati.
Sviluppatosi negli anni a livello nazionale ed internazionale, serve ad oggi i più importanti brand bimbo Ovs, Chicco Artsana, Prenatal, Bimbus, Preca Brummel, Idexe, Coccodè, Massimo Dutti, Habermaaß, nonché grossisti e negozi al dettaglio.

E la storia continua... >>
X